Conto Corrente Bancario, cos’è, come funziona, per Giovani e Libero Professionista

Conto Corrente Bancario, cos'è, come funziona, per Giovani e Libero Professionista


Cos’è

Il conto corrente è il contratto con il quale le parti si obbligano ad annotare in un conto i crediti derivanti da reciproche rimesse, considerandoli inesigibili e indisponibili fino alla chiusura del conto (articolo 1823).

Il conto corrente bancario non è un contratto necessariamente bancario in quanto può intercorrere tra privati, anche non imprenditori, che abbiano frequenti rapporti economici dai quali derivino continuamente nuovi crediti e debiti reciproci (si pensi, per esempio, ai rapporti tra il committente e il commissionario per quanto riguarda il prezzo delle merci vendute o acquistate e le relative provvigioni).

Per semplificare tali rapporti, i correntisti si impegnano a registrare in un conto i crediti di varia natura risultanti a favore dell’uno o dell’altro e a considerarli inesigibili e indisponibili, cioè a non pretenderne il pagamento e a non cederli a terzi, fino alla chiusura del conto, quando si provvederà alla liquidazione a gavore della parte creditrice dell’eventuale differenza tra il dare e l’avere complessivo (saldo).

In tal modo, anzichè effettuare di volta in volta il pagamento e la riscossione dei diversi debiti e crediti, si procede periodicamente alla liquidazione dell’unico debito finale risultante dalla compensazione delle reciprocche partite di dare e di avere ( e pertanto sono esclusi dal conto corrente i crediti che non sono compensabili per loro natura o per disposizione di legge).

La chiusura del conto, con la liquidazione del saldo a favore della parte creditrice, viene fatta alle scadenze stabilite dal contratto o dagli usi o, in mancanza, ogni sei mesi: se alla scadenza non viene richiesto il pagamento del saldo, questo viene considerato come la prima rimessa di un nuovo conto e il contratto s’intende tacitamente rinnovato a tempo indeterminato.

Le diverse operazioni bancarie (deposito di denaro, apertura di credito, anticipazione bancaria ecc.) possono essere regolate, con un’apposita clausola, in conto corrente consentendo al cliente di effettuare prelievi e versamenti successivi che vengono annotati sul conto intestato a suo nome presso la banca e nel libretto di conto corrente.

A differenza del conto corrente ordinario, nel quale i crediti annotati sono inesigibili e indisponibili fino alla scadenza, nei contratti bancari in conto corrente il cliente può disporre in ogni momento, salvo il termine di preavviso eventualmente pattuito, delle somme risultanti a suo credito.

Se il conto è intestato a più persone disgiuntamente, cioè con la possibilità di compiere le relative operazioni anche separatamente, gli intestatari sono considerati creditori e debitori in solido dei saldi attivi e passivi risultanti dal conto.

Come Funziona

Il conto corrente bancario funziona in realtà allo stesso modo del conto corrente postale. La differenza è esclusivamente nel fatto che il primo viene gestito da una banca mentre il secondo viene gestito da Poste Italiane che ormai offre comunque un alto numero di prodotti finanziari. Il conto corrente postale per eccellenza prende il nome di Conto BancoPosta che è anche il prodotto commerciale più sponsorizzato dal Gruppo Poste Italiane.

Ciascuna banca offre delle condizioni differenti e delle proposte commerciali che non sono standard e che quindi possono differire non solo da ciascun istituto bancario ma è possibile che una banca abbia diverse opzioni e diverse offerte che prendono di conseguenza differenti nomi.

Le banche possono talvolta offrire ai possessori di un conto corrente un fido bancario. Si tratta di un vero e proprio prestito personale i cui interessi vanno a maturare esclusivamente se lo si usa.

Il Fido bancario non è altro che una somma sempre a disposizione del cliente, il cui importo viene pattuito nel momento in cui si stipula il contratto di conto corrente bancario, che può essere usata quando i propri risparmi presenti sul conto vanno a terminare. Il cliente avrà quindi a sua disposizione una somma di denaro aggiuntiva sul proprio conto che potrà utilizzare solo se lo crederà necessario.

Conto Corrente per Giovani

Quando si cerca un conto corrente per giovani si cerca una soluzione che possa permettere ad un ragazzo tra i 18 ed i 35 anni di possedere un conto senza dover essere riempito di spese da sostenere.

Le banche e gli istituti di credito offrono per i più giovani delle particolari offerte commerciali per coloro che desiderano aprire un nuovo conto corrente.

Molte di queste offerte prevedono addirittura un canone gratuito e consentono di effettuare senza alcuna spesa tutte le maggiori operazioni quali: inviare e ricevere un bonifico, prelevare presso uno sportello della stessa banca grazie ad una carta di tipo bancomat ed utilizzare tale carta per effettuare i propri acquisti.

Tutti i conti correnti per i giovani prevedono anche il servizio di Home Banking. Cosa significa? Attraverso delle credenziali fornite dall’istituto di credito sarà possibile collegarsi al sito web della banca ed accedere a diverse funzioni. Online infatti, grazie al servizio di Home Banking, sarà possibile inviare e bonifici, pagare i modelli f24 ed usufruire di tantissimi altri servizi.

Genius Card di Banca Unicredit

Per coloro che vogliono un conto corrente poco impegnativo ma allo stesso momento desiderano usufruire di diversi servizi consigliamo la Genius Card di Unicredit. Si tratta di un conto corrente per giovani, ma richiedibile da qualsiasi maggiorenne, al quale è legata una carta di credito ricaricabile. Su questo conto non matureranno gli interessi ma se si rientra in una determinata fascia d’età si potrà disporre di un conto corrente senza dover pagare nessun canone.



La carta dispone inoltre di un codice iban che vi permetterà di ottenere un bonifico anche dall’estero. Al momento, ad esempio, potranno usufruire del canone mensile gratuito tutti i giovani con un’età inferiore ai trenta anni. Se hai meno di 30 anni quindi e cerchi un conto corrente per giovani senza canone mensile da pagare, questa potrebbe essere una delle migliori soluzioni a te dedicate.

Ricordiamo inoltre che la Genius Card di banca Unicredit consente inoltre di ricevere i bonifici area Sepa e quindi permette di ottenere anche i pagamenti del circuito pubblicitario di Google, chiamato Adsense.

BNL Revolution U27

Un altro conto corrente per giovani che ci sentiamo di segnalarvi è quello offerto dal gruppo bancario Bnl ed è chiamato conto Bnl Revolution U27. E’ un conto destinato a tutti i giovani universitari che non hanno ancora compiuto 27 anni. Bnl offre anche una soluzione per chi ha meno di 35 anni ed è chiamata conto Young.

Al momento tra i diversi conti correnti attivabili per i giovani quelli offerti da Bnl e da Unicredit sembrano essere le migliori offerte commerciali.

I conti citati, cioè quelli offerti da Unicredit e da Bnl sono solo alcune delle soluzioni consigliate per chi desidera aprire un conto corrente. In realtà le soluzioni sono davvero tante e quelle sopra elencate sono semplicemente due delle migliori che, ad oggi, ci sentiamo di consigliarvi.

In linea di massima, ogni banca (ma anche il gruppo Poste Italiane) forniscono tante diverse offerte commerciali ed alcune di queste sono riservate ai più giovani e, grazie a dei bonus o a delle particolari promozioni, offrono una sorta di incentivo ad aprire un nuovo conto corrente bancario presso il proprio istituto di credito.

Libero Professionista

In che cosa consiste il conto corrente per i liberi professionisti? Non tutti conoscono la differenza fra un conto corrente standard e un conto corrente dedicato ai liberi professionisti.

Il conto corrente è uno strumento idealizzato per la gestione del denaro in entrata, in uscita, per il denaro di risparmio, per varie tipologie di pagamenti, ecc. Esistono tuttavia una serie di tipologie di conti correnti specifici che rientrano in diversi settori, come il conto corrente di corrispondenza per le aziende e le imprese e il conto corrente per i liberi professionisti.

Il conto corrente per i liberi professionisti ricorda da una parte il precedente conto corrente descritto per le aziende e dall’altra la versione di un conto corrente delega.

Come Funziona

Il conto corrente per liberi professionisti è pensato proprio per la categoria lavorativa specifica, ma non risulta tuttavia obbligatorio. La legge stessa non impone l’apertura di un conto corrente dedicato all’attività professionale sul quale far transitare relativi pagamenti e accrediti. Tuttavia questo particolare tema legale risulta essere sconosciuto per alcune persone, riferendosi chiaramente al Decreto Bersani del 2007 il quale ne stabiliva invece l’obbligatorietà. Tale provvedimento è stato abrogato due anni dopo, senza però una particolare rilevanza mediatica.

Vantaggi

Aprire un conto corrente per liberi professionisti non risulta obbligatorio, ma sicuramente consigliabile, soprattutto dal punto di vista delle gestioni odierne.

Tra i vantaggi che si possono ottenere dall’apertura di un conto corrente per liberi professionisti si trovano:

  • Una panoramica reale dei fondi aziendali.
  • Agevolazioni in caso di controlli da parte dell’istituzione dell’Agenzia delle Entrate.
  • Gestione semplificata e rapida delle spese e delle entrate.

Conto Corrente Gratuito

Alcune banche sono solite offrire conti correnti gratuiti, privi del canone, per i liberi professionisti, una soluzione particolarmente apprezzata da molti correntisti.

Tra gli istituti che rendono disponibile questa opzione troviamo:

  • Fineco
  • Hello Bank BNL
  • CheBanca!
  • Credit Agricole

MyBusiness Webank

Un ulteriore conto corrente per i liberi professionisti è rappresentato da MyBusiness di Webank, attivabile e gestibile completamente tramite servizio online. MyBusiness richiede la presenza di un documento d’identità con validità in corso, codice fiscale, Partita Iva, copia della certificazione dell’avvenuta iscrizione alla Camera di Commercio (valida anche la sola visura camerale).

L’attivazione online del conto per liberi professionisti MyBusiness di Webank è gratuita, fatta eccezione però per le spese del canone mensile.

Lo stesso conto rende disponibile l’utilizzo di un bancomat gratuito e una carta di credito internazionali, permettendo i pagamenti degli stipendi, del modello F24, MAV e RAV. La polizza gratuita multirischi, in abbinamento al conto, offre il possibile rimborso delle spese di viaggio in caso di imprevisti, una protezione sui prelievi e sugli acquisti effettuati tramite carta di credito, oltre che al rimborso per le spese relative ai costi per l’eventuale recupero dei punti sulla patente, oltre al rilascio del POS.

La liquidità remunerata sul conto è fissata con un tasso di interesse del 3,75% (per somme fino a 50.000 euro, oltre tale giacenza1,25%).



Questo sito fa uso dei cookie, anche di terze parti, per garantire ai suoi utenti un'esperienza di uso ottimale. Continuare nella navigazione (scroll, click, ...) equivale all'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi